SOTTOSUONO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sottosuono è la band storica per eccellenza del ponente ligure. Nasce nel maggio 1990 con l'ingresso del chitarrista Amedeo Casella nella formazione dei Moloch, attiva dal 1980 e composta da Roberto ed Enrico Ferrari, Lorenzo Lajolo e Piero Rovida.
Il nuovo nome viene scelto durante l’inverno successivo e gioca con le parole inglesi “underground” e “undersound” che suonano bene anche nella nostra lingua.

Da subito, il gruppo si spende nella ricerca di una strada originale di scrittura e di esecuzione che da' vita ad una serie di canzoni in lingua italiana composte da Piero e Lorenzo, cui ben presto si aggiunge Amedeo. I tre battezzano il loro sodalizio “L’Acaro”. L’acronimo evoca ancora una volta l’immagine di una vita piccola e nascosta ma che sa provocare reazioni (salute!). Nascono così i CD "Sogni in prospettiva", distribuito da Tring nel 1998, e "Con le ali" prodotto da Rem studio nel 2000. Nel 2003 partecipano alla compilation "Sconcerto" con il brano "Un uomo nel sole" e nel 2008 a "Sconcerto Due" con il brano "Ti amerò".

Molta della loro notorietà i Sottosuono la devono, però, a "Beatlesmagia" il programma live dedicato interamente alla storia dei Beatles. Dal 1994 hanno  raccontato e cantato su moltissime piazze liguri (e non solo) il meglio del quartetto di Liverpool coinvolgendo un pubblico eterogeneo in un percorso di emozioni in bilico tra attualità e ricordo. Hanno partecipato più volte al raduno nazionale "Beatlesday" di Brescia e al "Memorial John Lennon" di Pavia.

Affascinati da tempo anche dalle armonie vocali dei Beach Boys, i Sottosuono fin dal 1997 ne hanno introdotto in concerto le canzoni più note. Unico nel panorama italiano, questo duello musicale Beach-Beatles entusiasma sia la band che il suo folto seguito.

La band ha raccolto nel  CD "Waves" (2009) il proprio omaggio alla Beatles & Beach Boys music, interpretando 10 tra le song più belle dei due gruppi.

Dal 2011 i Sottosuono sono impegnati in una stimolante collaborazione con il giovane cantautore emergente Eugenio Ripepi: il suo CD "La buccia del buio", pubblicato nel mese di maggio dello stesso anno ospita infatti una traccia suonata e arrangiata dal gruppo, "Quando i Tegolini erano quadrati".
 
Nell’agosto 2011 Eugenio ha presentato per la prima volta l’intero CD dal vivo affiancato dai Sottosuono, esibendosi in un applauditissimo concerto, dal quale è stato ricavato un DVD che testimonia l'affiatamento e l'entusiasmo degli artisti coinvolti. Due cammini musicali apparentemente diversi eppure singolarmente convergenti, per un progetto che è  continuato nell'agosto del 2012 con un nuovo live presso il suggestivo Teatro Salvini di Pieve di Teco. I singoli “Thyssen” e “Operaio alla catena di montaggio” vedono la luce pochi mesi dopo, e si inseriscono nel glorioso filone della canzone sociale. I testi di Eugenio trasfigurano poeticamente temi di dolorosa attualità, accompagnati dall'arrangiamento vocale e strumentale della band. I video di “Thyssen” e di “Scarpe di Colla” (traccia di “La buccia del buio”), girati nella primavera 2013, vantano rispettivamente circa 50.000 e 80.000 visualizzazioni su Youtube a tutto aprile 2014.

Dal 2012 il collaudato live act dei Sottosuono si è arricchito di una proposta più personale, sempre animata dalla passione per la vocalità e gli intrecci corali. La parola d'ordine è aggiornare il repertorio, presentando un'originale rivisitazione in chiave surf di alcuni grandi classici della pop music degli anni '60 e '70, svelandone potenzialità inespresse, e sposandosi al gusto attuale in modo assolutamente unico ed eccitante. Accanto a Beach Boys e Beatles, trovano così posto i grandi gruppi vocali di ispirazione black (Shirelles, Ronettes, Four Seasons, ecc.) con i loro cavalli di battaglia: The Locomotion, Be My Baby, Please Mr.Postman e tanti altri. Completano la scaletta i classici della british wave di quegli anni (Animals, Kinks, Zombies, ecc.), scanditi da alcuni dei migliori strumentali di matrice surf scritti da nomi leggendari come The Ventures e Dick Dale. Melodie accattivanti e una ritmica selvaggia per un concerto dalle sonorità vintage che invita a ballare e divertirsi.

GOOD VIBES!

 
Torna ai contenuti | Torna al menu